Errore dell’arte…medica

Cosa succede, a noi e alla nostra vita, quanto ci giochiamo tutto in un attimo? Quando uno sbaglio ci getta in balia di un vortice dove è presente solo dolore e impotenza, al punto di farci perdere il controllo della nostra esistenza?

Se lo chiede Petros Michalopoulos, dermatologo, nel suo libro dove racconta la storia di un medico, il quale pagherà caro per uno sbaglio. Il libro si chiama Errore dell’arte (edito da Gabriele Capelli Editore). Ed è un viaggio all’interno delle emozioni di un medico, che è anzitutto un uomo, e che guarda in faccia l’abisso.

Siamo in Canton Ticino. Dario, trentadue anni, ha davanti a sé una carriera promettente, una famiglia che gli vuole bene, l’amore di una donna e poi amici con cui condividere sogni e avventure. Eppure… Eppure, la vita di Dario è segnata da un disagio profondo. Un amico, d’altra parte, definisce il giovane come uno che che vive con “un freno a mano tirato”.

Pagina dopo pagina, il lettore è confrontato con la vita del protagonista la quale si deforma: la gioia diviene dolore, la sicurezza ansia e la certezza del presente si sgretola e ci si ritrova catapultati come in un tunnel senza luce, ma con un’unica via di fuga.

Un romanzo psicologico che è un po’ anche un romanzo noir, perché entra nella psicologia del protagonista scavandone le profondità nascoste e, compiendo un’operazione di fiction che risulta molto realistica, procede a ritroso, dal momento della morte, ai ricordi dell’infanzia, ai mesi prima che tutto finisse, lasciando il lettore e la lettrice con il fiato sospeso.

Ma c’è un’altro motivo per leggere Errore dell’arte: ovvero cercare di cogliere il dramma dell’errore medico da un altro punto di vista: là dove nei media e nella società si racconta quasi esclusivamente la prospettiva di chi è stato vittima di un errore medico, ecco che l’opera di Michalopoulos ci avvicina e presenta il punto di vista interno a chi lavora in ambito medico e commette l’errore.

Ricco di informazioni mediche, presentate con il giusto tono divulgativo, il libro ci ricorda anche l’importanza della comunicazione precisa ma appropriata in ambito medico, e tra il curante e il paziente.

Seguici

Cerca nel blog

Chi siamo

Questo blog nasce dall’incontro di tre persone emigrate volontariamente in età adulta dall’Italia in Svizzera e che in questo Paese hanno realizzato esperienze diverse in vari ambiti lavorativi e culturali. 

Ultimi post

L’Italia vista da fuori

L’Italia non è certamente il fulcro dell’interesse mediatico internazionale, tra guerre ai confini europei, deliri di onnipotenza di improbabili magnati che comprano “nuovi giocattoli” e

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *