Europa e i giovani: costruire un futuro inclusivo e sostenibile, come?

L’Unione Europea dichiara di impegnarsi a valorizzare e coinvolgere attivamente i giovani nel processo decisionale e nel plasmare il futuro dell’Europa. Un importante tassello di questo impegno è rappresentato dalla Settimana Europea della Gioventù, un’occasione imperdibile per discutere argomenti rilevanti per i giovani, mostrare loro le opportunità offerte dall’UE e celebrare storie di successo. Il 2024 vedrà la celebrazione di questa settimana dal 12 al 19 aprile, un’opportunità per approfondire la partecipazione democratica dei giovani.

E speriamo la comunicazione di questa iniziativa sia migliorata, rispetto a quanto successo nel 2022 con l’Anno Europeo della Gioventù (EYY), di cui i soggetti interessati – i giovani – sapevano poco e hanno saputo solo all’ultimo momento, come ci ricorda Benedetta Scuderi, portavoce dei giovani dei Verdi Europei e co-fondatrice dei Giovani Verdi Italiani.

L’UE, come dicevamo, ha avviato diversi programmi che mirano a coinvolgere i giovani. Uno dei progetti chiave è il “Progetto 25 per cento”, che si propone di coinvolgere attivamente i giovani nel processo decisionale. L’attenzione ai giovani è stata anche centrale nella Conferenza sul Futuro dell’Europa, senza parlare poi del supporto che le istituzioni prestano a programmi di servizio civile e volontariato, tutte azioni volte ad affrontare quelle che sono le problematiche principali che la Commissione ha identificato affliggere i giovani: salute e preoccupazioni per l’ambiente, lavoro e mobilità in primis, come ci conferma Johanna Bernsel, portavoce della Commissione UE per l’Istruzione, la Cultura, i Giovani e lo Sport.

Dunque, le principali sfide che i giovani europei affrontano oggi includono la disoccupazione, l’accesso all’istruzione e le disuguaglianze sociali. L’UE ha implementato programmi concreti come Erasmus+ e il Corpo Europeo di Solidarietà per affrontare queste sfide. Le priorità future della Commissione includono il rafforzamento del Garanzia Giovani per assicurare opportunità di lavoro e formazione di qualità per tutti i giovani europei sotto i 30 anni.

Quindi l’UE fa abbastanza? Per Benedetta Scuderi e Marco Antonioli, Presidente del Servizio Civile Internazionale Italia, l’attenzione dell’Europa è alta ma si sono necessarie ulteriori strategie che possano coinvolgere i giovani disinteressati alla politica e i gruppi sottorappresentati, iniziative di democrazia deliberativa e il coinvolgimento diretto della società civile giovanile, che è radicato da alcuni anni a questa parte a livello locale e che per tanto può trovare sbocco, se ben incanalato e ascoltato, anche nelle aule di Bruxelles. Ruolo Attivo dei Giovani nell’UE:

Il 9 giugno prossimo andremo a votare per i nostri rappresentanti al Parlamento europeo. Lo stanno scrivendo e dicendo in molti: si tratta di elezioni “epocali”, che segneranno il futuro dell’UE a breve e lungo termine. Preoccupa l’ascesa dei partiti anti-europei o euroscettici. L’auspicio è che la quale che sia la formazione del Parlamento, quest’ultimo voglia impegnarsi a garantire un coinvolgimento continuo dei giovani attraverso meccanismi di partecipazione e iniziative specifiche, ma anche assicurandosi che le voci dei giovani siano ascoltate e rispettate e che le conseguenze delle politiche UE per le nuove generazioni siano misurate nonchè messe al centro dell’agire politico, come concludono Benedetta Scuderi e Marco Antonioli ai microfoni di Radio Mir.

Seguici

Cerca nel blog

Cerca

Chi siamo

Questo blog nasce dall’incontro di tre persone emigrate volontariamente in età adulta dall’Italia in Svizzera e che in questo Paese hanno realizzato esperienze diverse in vari ambiti lavorativi e culturali. 

Ultimi post

Terrorismo

Il termine terrorismo deriva dal verbo latino terrere che significa “intimorire, incutere paura”. Nel linguaggio politico moderno entrò in uso per indicare una determinata fase della Rivoluzione francese.

Leggi Tutto »